UN NATALE TRA CODE E GELO – DI CHE PARLA IL FILM?

3 DI CHE PARLA IL FILM?

Il Natale arriva per tutti, anche per chi si trova costretto sul posto di lavoro, anche per chi non è aiutato da una prontezza mentale ma è invece guidato dal cuore e da occhi candidi, in grado di vedere la magia tra le brume di una realtà squallida come quella che avvolge i tre protagonisti di questa novena in fabbrica. Gabriele, Michele e Raffaele sono tre guardiani notturni di uno stabilimento in disarmo e sognano un luogo caldo per attendere la mezzanotte mentre si arrangiano come possono, sospirando la compagnia di un presepe. Ma qualcuno bussa alla porta. Un travestito, Angela, chiede loro riparo e ospitalità per la notte. Lo fanno entrare, perché dove si cena in tre si può cenare in quattro. Ribussano al portone, è una ragazza incinta in piene doglie accompagnato dal giovane marito, di nome Giuseppe e smarrito come lei, di nome Maria. Prestano loro soccorso grazie all’aiuto di un veterinario con un bue e un asinello sul furgone, e in ultimo arrivano tre operai in visita carichi di viveri per passare insieme il natale, vestiti elegantemente come i Re Magi, di cui uno di colore, mentre da fuori la gru del carro ponte accende un faro come fosse un occhiolino e un fascio di luce illumina il cielo dai finestroni in alto del capannone. In ultimo i tre guardiani davanti al finestrone osservano stupiti l’Angela che sale in cielo…

L’ambientazione in un plesso siderurgico in disarmo simboleggia lo stato di profonda crisi del lavoro di cui i tre protagonisti sono emblema, a cui contrappongono la loro voglia di positività e di speranza che dà conforto sia al giovane angelo infreddolito, che alla coppia di neo genitori smarriti e indifesi, come potevano esserlo Giuseppe e Maria in una grotta di duemila anni fa.  Mentre poco distante un ingorgo di macchine blocca il destino di chissà quante altre vite, troppo intasate per vivere il natale.

 indiegogo_logo

3 WHAT IS THE SUBJECT OF THE FILM?

Christmas comes for everyone, even for those who must work, even for those who are not characterised by quick thinking but are rather guided by pure heart and innocent eyes, able to see the magic among the mist of a dismal reality like the one that shrouds the three protagonists of this novena held in a factory. Gabriele, Michele and Raffaele are three night watchmen who work in a factory out of commission and dream of a warm place where they should wait for midnight; meanwhile they make do with what they have, longing for the company of a nativity scene. Suddenly, someone knocks at the door. A transvestite, Angela, is looking for a shelter and an overnight accommodation. They let him in, because where there is place for three at the dinner table, there is place for four. Someone knocks at the door once again: she is Maria, a pregnant girl in labour accompanied by her young husband, called Giuseppe, as bewildered as her. They take care of her with the help of a veterinarian who lets her get on his van together with an ox and a donkey, and finally three workers arrive and carry some food for Christmas: they are elegantly dressed as the Three Kings, including a dark-skinned man, while outside the light beam coming from an overhead crane illuminates the sky through the windows at the top of the factory. At the end, the three watchmen stare astonished at Angela who rises to the sky …

The setting in an iron and steel centre out of commission which symbolizes the deep employment crisis embodied by the three protagonists, who however react with positivity and hope. Their attitude also comforts both the young chilled angel and the couple of new parents, who are confused and helpless like Giuseppe and Maria in a cave two thousand years ago. Meanwhile, the fate of many other people – too frantic to enjoy Christmas – is stuck in the nearby traffic jam.

indiegogo_logo