Una vita semplice – Rassegna Stampa

International Post
Il mammome alessio, il maniaco dell’ordine Federico e il rassetta-cameretta Silvano, come moderni Forrest Gump vi entreranno nel cuore come chi guarda la vita con la tenerezza di chi guarda la vita con semplicità e tenera ingenuità.
Silvia Tarquini

Teatro&spettacolo.org
Fabio Bussotti, Andrea Murchio e lo stesso Palladino, sono bravissimi nel rendere i personaggi credibili e realistici, nel far percepire le difficoltà che possono incontrare svolgendo le attività più comuni. Fa bene il teatro di Palladino a non staccarsi dalla materia che più lo nutre e lo anima di tempo: le piccole grandi storie personali, raccolte con l’ascolto prima e poi approfondite sulla pagina, le esperienze che scorrono lungo le corde della propria memoria, in particolare, quella da educatore in un centro per disabili, ispira questo spettacolo. Ed è assolutamente meritato il Premio Enrico Maria Salerno per la Drammaturgia 2010 a sostegno della drammaturgia contemporanea, del teatro civile di contro a tanti argomenti futili e privi di sostanza.
Giusy Potenza