CORSO IN PUBLIC SPEAKING

Docente Pierpaolo Palladino

ORARI

9.30-13.30 / 14.30-18.30 (lun-ven)
DURATA: 24 ORE
DISPONIBILITA TRASFERTE: Italia e isole.

 

OBIETTIVI

Parlare in pubblico, gestire una presentazione, comunicare con efficacia durante una riunione, dimostrandosi a proprio agio davanti ai propri colleghi durante un meeting sono abilità indispensabili nella vita lavorativa quotidiana. Sono infatti doti che permettono di sviluppare leadership e autorevolezza, aiutando manager o professionisti a raggiungere i propri obiettivi e presentare i propri progetti. Il corso di public speaking fornisce gli strumenti per comunicare le proprie idee e farsi ascoltare, attraverso una metodologia che si basa su simulazioni continue, esercitazioni pratiche e utilizzo di materiale video.

DESTINATARI

Tutti coloro che devono parlare di fronte a un pubblico (riunioni ristrette o allargate, convegni, convention) e che desiderano acquisire sicurezza e raggiungere gli obiettivi della comunicazione.

 

PROGRAMMA

Parte prima teorica e pratica: 4 ore
Parlare con il corpo e con la voce: analisi dei linguaggi verbali e non verbali.
L’importanza dello sguardo, a chi ci rivolgiamo, come tener conto di tutto l’uditorio e non inseguire solo il nostro pensiero.
Farsi sentire, farsi ascoltare, farsi capire.
Il tono della voce e il tono del discorso sono strettamente legati.
Il silenzio dell’ascolto e il rumore della distrazione.
Esercitazioni con gli allievi.
Esercitazione di lettura ad alta voce.
Simulazione di discorso improvvisato su un argomento a scelta del docente.

Parte seconda teorica e pratica: 4 ore
L’importanza di preparare bene l’intervento.
Elaborare i temi da presentare per coinvolgere il proprio pubblico.
Gestire la linea dell’attenzione.
Esercitazioni con gli allievi.
Lettura rapida ad alta voce ed estrapolazione dei dettagli essenziali da un testo.

Parte terza teorica e pratica: 4 ore
Le varie modalità di comunicazione.
La necessità e l’efficacia della sintesi.
Esercitazioni con gli allievi.
Improvvisazione di discorso con le diverse modalità indicate di volta in volta dal docente.
Individuare la struttura e il filo conduttore di un testo tramite le parole chiave.

Parte quarta teorica e pratica: 4 ore
Conoscere il proprio stile di comunicazione. Riconoscere lo stile comunicativo degli altri per adeguare il proprio approccio.
Tecnica delle domande, tecnica dell’ascolto, abilità di improvvisazione.
Esercitazioni con gli allievi.
Esercizio di sintesi e abilità: raccontare un film, un libro oppure un discorso elaborato il giorno prima, con tempi progressivamente ridotti.
Improvvisazione su un discorso di cui non si conosce nulla.
Report di cosa si è recepito: un allievo espone un discorso, un altro lo ripete per verificare in che modo lo ha appreso, infine ne cambia la modalità e finalità a richiesta del docente.

Parte quinta teorica e pratica: 4 ore
Le caratteristiche fondamentali dei due strumenti comunicativi chiamati ‘Storytelling’ e ‘Pitching’.
Esempi, tramite uso di video dei principali storyteller della scena teatrale contemporanea. Il teatro di narrazione e il suo successo popolare. Il teatro di impegno civile. La tradizione favolistica orale.
Esempi, tramite uso di video dei principali life-coach.
Esercitazioni con gli allievi.
Esporre a turno il pitch e lo storytelling della propria azienda o di un progetto proposto dal docente il giorno prima. Allenamento alle relative domande poste dall’uditorio.

Parte sesta teorica e pratica: 4 ore
I quattro archetipi della narratologia nel “Viaggio dell’eroe”: protagonista, antagonista, mentore, guardiano della soglia.
La scrittura di uno storyboard per accompagnare la propria presentazione.
L’uso dello storytelling all’interno della propria presentazione.
Dallo storytelling verbale al «digital storytelling».

Esercitazioni con gli allievi.
Raccontare una storia breve, la trama di un film o di un romanzo utilizzando ed evidenziando i quattro archetipi trattati.
Analisi dell’esercizio svolto su modalità, qualità espressiva, sintesi ed efficacia narrativa.
Considerazioni finali e conclusioni.

PER INFO