Brancaleone – Laboratorio 2008/2009

Il lavoro su Brancaleone è nato dall’esigenza di un lavoro di gruppo che portasse i ragazzi coinvolti nel laboratorio teatrale a confrontarsi con un immaginario medievale a loro familiare. Da novembre a maggio il costante lavoro di gruppo è stata la cifra stilistica del laboratorio che ha preceduto sia la riscrittura del testo, adattato sui ragazzi stessi, che il montaggio dello spettacolo finale, basato su un forte impatto corale con tutti gli attori impegnati in scena dall’inizio alla fine.

È fondamentale che il laboratorio abbia avuto la sua conclusione con lo spettacolo in quanto esso è stato l’evento che ha finalizzato e dà senso a tutto il lavoro, ma anche momento creativo, situazione reale, incontro unico e irripetibile con il pubblico che fatto da specchio, diventando parte dello spettacolo stesso, nella relazione che in quel momento si è creata.

Brancaleone ha debuttato al teatro dell’Unione di Viterbo ed ha replicato poi a l’Aquila dove si è rivelato un evento di straordinaria importanza per quanto sopra detto, per quello che ha vissuto all’indomani del terremoto, e per quel “plus valore” che ha rappresentato per i ragazzi i quali hanno avuto la possibilità, forse per la prima volta, di essere loro a poter far qualcosa, anche se piccola, per “prendersi cura” ed “avere cura” dell’altro. In ultimo è stato ripreso a settembre del 2009 Concluderà aprendo ufficialmente la prima edizione del festival FabbricAzioni www.fabbricazioni.org a Cittaducale-Rieti.